SPOT PUBBLICITARIO E SCELTA DEI MEDIA

11 Dic

Venerdi 11/12/2015

SPOT PUBBLICITARIO E SCELTA DEI MEDIA:

Prima di investire soldi in spot e passaggi pubblicitari televisivi , è utile, valutare e quantificare il potenziale target che si va a “colpire”.

L’analisi è fondamentale soprattutto per la scelta dei media locali e territoriali. Esistono vari indici per misurare l’ascolto televisivo di una emittente locale.

Sappiamo tutti che gli ascolti televisivi, vengono misurati minuto per minuto.

Le informazioni rilevate riguardano: l’audience media, ovvero il numero medio di telespettatori di un programma e può essere relativa ad un periodo (giorno, mese, anno..), una fascia oraria, un singolo programma, uno spot.

Poi c’è lo share, il rapporto percentuale tra gli ascoltatori di una certa emittente e il totale degli ascoltatori che stanno guardando qualunque altro programma sulle diversi reti.

La penetrazione, invece, è il rapporto percentuale tra gli ascoltatori di una certa categoria e il loro universo statistico di riferimento. Ad esempio, quanti uomini di 40 anni vedono quale programma rispetto al totale dei quarantenni che non guardano la televisione in quel momento.

I contatti netti rappresentano tutte le persone, diverse fra loro, che vedono almeno un minuto di un certo programma. Si contano una sola volta. Dai dati si ottengono anche i minuti visti, ovvero il numero medio di minuti visti dai telespettatori per ogni programma.

Un altro indicatore è la permanenza, che indica la fedeltà di visione. Si ottiene come rapporto percentuale tra il numero di minuti visti in media dagli ascoltatori di un certo programma, e la durata dello stesso.

Capite quindi che una valutazione anteriore sulla scelta dei media appare oggi fondamentale.

Tale valutazione deve tenere conto di problematiche complesse, quali la natura stessa del mercato televisivo locale, a causa anche dell’avvento del digitale terrestre, l’exploit dei Social Network e la presenza costante delle emittenti pubbliche e private nazionali/internazionali.

Solo dopo queste valutazioni è opportuno SCEGLIERE tra una o più emittenti televisive locali, tenendo bene a mente che, se si ha intenzione di promovuore il proprio prodotto/servizio in televisione, occorre anche definire il MIGLIORE STORYBOARD promozionale da VEICOLARE.

Perché come afferma Philip Kotler: “la gente ha in testa troppi prodotti indifferenziati e indistinti nel loro modo di fare comunicazione televisiva. C’è bisogno di ripensare al paradigma relazionale tra il brand e il suo target: un nuovo modello basato su emozioni condivise. Una relazione più coinvolgente ed emozionale”.

Un messaggio promozionale veicolato attraverso un spot televisivo pubblicitario deve assolutamente evitare di essere BANALE, o ancorato a vecchie e obsolete logiche di visualizzazione di un’idea di regia.

Per saperne di più Contattami!
Dr.Mag.Riziero Di Pietro

Info Preventivi Consulenza e Affiancamento Strategie: Piani di marketing e Piani di comunicazione a breve, medio e lungo termine contattami!

STUDIO START COMUNICAZIONI
Dr.Mag. Riziero Di Pietro
Campobasso, Corso Bucci 27 (ed. grattacielo, a pochi metri dal Municipio)
Tel. e Fax 0874 97.99.22
mobile 338 74.46.648
info@studiostartcomunicazioni.it

…prossimamente il nuovo sito web del mio studio professionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: